You are currently browsing the tag archive for the ‘Bob Marley’ tag.

Robert  Nesta “Bob” Marley è nato il 6 febbraio 1945  a St. Ann (Jamaica) ed è morto a Miami (Florida, USA) l’11 maggio 1981.

Lo stesso giorno della nascita, il padre Norval Marley, un cinquantenne giamaicano bianco di origine inglese, abbandonò Cedalla Booker di 18 anni ed il figlio appena nato, anche se fornì sempre un aiuto economico alla famiglia e di tanto in tanto tornò a trovare il figlio BoB. A causa di tutto ciò Bob fu emarginato e lottò con accanimento per venire a patti con la sua identità razziale. La conversione alla reglione Rasta lo aiutò a ritrovare la verità in un mondo pieno di ingiustizie e razzismo.

La madre si trasferì a Trenchtown in cerca di lavoro e Bob passava molto tempo con il suo amico Neville “Bunny” Livingstone, catturati entrambi dalla musica di Fats Domino e Ray Charles. Insieme decisero di iscriversi ad una scuola di musica del famoso cantante giamaicano Joe Higgs.

Il debutto è datato 1962 con il 45 giri Judge Not, per la Beverley’s di Leslie Kong, boss dell’industria discografica giamaicana. Malgrado il sostegno dell’amico Joe Higgs, il disco passò inosservato. Stessa sorte toccò anche al secondo disco: One cup of coffee.

Bob MarleyBob Marley nel 1963 riunisce una formazione che comprende il fratellastro “Bunny” Livingstone, Winston H. McIntosh (Peter Tosh), Junior Braithwaite, Beverley Kelso e Cherry Smith. Nascono così i Wailers che si pongono come modello i grandi gruppi vocali soul come gli Impressions di Curtis Mayfield.

Il primo 45 giri dei Wailers, Summer down, pubblicato dalla Coxsone di Clement Dodd, nel 1964 vende oltre 80.000 copie e balza in testa alle classifiche giamaicane. Buon successo anche per It hurts to be alone, con voce solista di Junior Baithwaite, e Lonesome feeling, con solista Bunny “Wailer” Livingston.

Nel 1965, con Dodd in cabina di regia, i Wailers incidone oltre 70 brani, collezionando una ventina di piazzamenti in classifica. La loro musica copre un ampio spettro di stili, variando dal soul ad doo woop, dallo ska allo rocksteady (una sua mutazione in battuta bassa).

Tra il 1965 e il 1966, però, i rapporti del sestetto con Dodd comiciano a deteriorarsi, finendo con la partenza definitiva di Baithwaite, Kelso e Smith. Nel febbraio del 1966 Bob sposa Rita Anderson, futura I-Threes. Dopo la riforma del gruppo comiciò ad accresciere la sua fama di musicista profetico che predica la pace e una più alta conoscenza.

I primi anni di Bob Marley verranno successivamente ben documentati in The birth of legend (Calla, 1977).

A soli 32 anni gli fu diagnosticato un cancro alla pelle, ma riufiutò l’amputazione di un piede sulla base delle proprie convizioni religiose. In soli quattro anni il cancro lo consumò, diffondendosi nel fegato, nello stomaco, nei polmoni e nel cervello, portandolo alla morte a soli 36 anni.

Bob Marley è uno dei maggiori artisti provenienti dai Caraibi, divenendo una leggenda nella musica Raggae e nella fede Rstafari. Molti i premi e gli onori assegnatigli: dall’ONU nel 1978 la Medaglia della pace per il Terzo Mondo, una medaglia al Merito della Giamaica nel 1981, il 6 febbraio (data della sua nascita) è stata consacrata nel 1990 Festa Nazionale, ammesso nella Rock’n’Roll Hall of Fame nel 1994, la BBC ha scelto nel 2001  One Love come canzone del millennio, e tante altre ancora.

 

Bob Marley sarà ricordato e onorato per sempre. La sua musica brillante ed evocativa rimane universale e senza tempo. Definito “Poeta Rasta”, artista rivoluzionario, visionario, è sicuramente stato uno degli artisti più carismatici dei nostro tempo.

Discografia essenziale “The Wailers”:

The Wailing Wailers (Studio One,1965)
The best of The Wailers (Beverley’s, 1969)
Soul Rebels (Trjan, 1971)
Soul Revolution (Trojan, 1971 2 LP)
Soul Revolution Part II (1971)
Catch a Fire (Island, 1973)
African Herbsman (1973)
Burnin’ (1973)
Rasta Revolution (1974)

Discografia essenziale “Bob Marley and The Wailers”:

Natty Dread (Island, 1975)
Live! (Island, 1975)
Rastaman Vibration (Island, 1976)
Exodus (Island, 1977)
Kaya (Island, 1978)
Babylon By Bus (Island, 1978 2  LP)
Survival (Tuff Gong/Island, 1979)
Uprising (Tuff Gong/Island, 1980)
Confrontation (1983)
Talkin’ Blues (recorded in 1973, released 1991)
Live at the Roxy (recorded in 1976, released 2003)

Bob Marley Official Website

Ziggy Marley Official Website

Annunci

Il mio tributo ai grandi della musica

Questo è un tributo ai molti musicisti che sono morti, sia per cause naturali, sia per incidenti, sia per abuso di alcool o droghe, sia per suicidio.

Anche se non sono più con noi, la loro musica vivrà per sempre nelle nostre menti e nei nostri cuori.

Il vostro contributo è ben accetto. Se vorrete scrivere una storia, o migliorare il contenuto degli articoli, si prega di lasciare un commento per comunicarmelo. Ringrazio fin d'ora per ogni aiuto o consiglio.

The only One

John Winston Lennon

Gli anni tragici

Archivio articoli

Blog Stats

  • 11.285 hits

Il sondaggio

Votaci su Net-Parade.it
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
Programmi TV Oggi

Segui assieme ad 1 altro follower

Annunci